Benché possa risultare strano, soprattutto oggi che siamo di fronte a una vera e propria liberazione sessuale femminile, esistono ancora molte domande che le donne trovano troppo imbarazzanti da porre circa l’universo sesso e un recente studio americano che ha trattato argomenti come masturbazione, orgasmo e comportamenti sessuali, le ha evidenziate.

Nella classifica appare tra gli ultimi posti il fatto che siano in tante a chiedersi se anche gli uomini siano in grado di fingere l’orgasmo; ebbene, una ricerca effettuata nel 2016 sulla rivista Sexual and Relationship Travel, ha rivelato che il 30% degli uomini americani ha dichiarato di aver finto un orgasmo.

Com’è possibile? La risposta è molto semplice: indossando un preservativo, diventa effettivamente difficile capire se il proprio partner abbia avuto o meno una eiaculazione e se invece, improvvisamente raffreddato, abbia deciso di porre fine ai giochi con l’inganno.

Subito dopo i finti orgasmi maschili, appare il sesso anale.

Molte donne si vergognerebbero di ammettere che preferiscono il lato B rispetto all’ingresso più tradizionale, lato dove non solo proverebbero orgasmi più intensi e prolungati ma che sarebbe in grado di stuzzicarle ed eccitarle molto di più rispetto a una penetrazione vaginale.

In effetti le terminazioni nervose presenti nell’ano sono molteplici e ultrasensibili, non c’è da sorprendersi che, dopo un’esperienza positiva, si tenda a preferire il sesso anale.

Quello dei rumori imbarazzanti prodotti invece durante la penetrazione vaginale è un problema molto comune e altrettanto sottaciuto.

Come spiegano gli esperti, è solo una questione di anatomia e di fisica: l’aria sospinta in vagina durante le spinte pelviche, nel momento del cambiamento di posizione fuoriesce con rumori talvolta eclatanti.

Le donne si vergognerebbero molto nell’ammettere anche una frequenza di masturbazione elevata, pensando erroneamente che questa caratteristica sia normale solo per gli uomini.

Il National Survey of Sexual Behavior (NSSHB) del 2009 dell’Indiana University, ha rilevato che solo il 3% delle donne si masturba più di 4 volte alla settimana e che il motivo per cui il restante non lo faccia è ancora sconosciuto.

Molte donne, secondo le ricerche, si masturbano indipendentemente dal desiderio sessuale ma spesso per affrontare lo stress, addormentarsi o trovare semplicemente uno sfogo.

Infine il porno: le donne hanno problemi ad ammettere che guardano spesso e volentieri materiale pornografico, anche in questo caso azione socialmente più accettata se riguarda gli uomini.

Una ricerca eseguita dall’Università di Toronto ha rilevato che le donne si eccitano sessualmente indipendentemente dal tipo di pornografia che guardano e dall’orientamento sessuale.

Insomma, pare che alle donne piaccia il sesso, indipendentemente dal… sesso!