Ladies and Gentlemen, una volta per tutte, sfatiamo il fatto che l’orgasmo femminile avvenga solo ed esclusivamente con la penetrazione, anzi, per dirla tutta, affermiamo che la maggioranza delle donne prova piacere solo ed esclusivamente con la stimolazione del clitoride e che della penetrazione ne farebbe volentieri a meno.

Detto questo, che ha comunque un fondamento scientifico derivante dalla constatazione che il clitoride è decisamente più innervato della vagina, nessuna donna dovrebbe vivere la penetrazione come qualcosa di problematico o addirittura come un momento di dolore.

In merito a quest’ultima situazione, vale la pena affrontare la cosa in maniera seria: un dolore provato durante la penetrazione potrebbe indicare un problema medico o semplicemente la mancanza di lubrificazione, dovuta a scarsa eccitazione o a menopausa.

Il confine tra la mancanza di desiderio e la scarsa lubrificazione è il classico cane che si morde la coda: se una donna non si eccita non si bagna e se non si bagna, non si eccita e non viene sufficientemente coinvolta.

Che fare quindi? 

Molte coppie seguono la politica della cosiddetta Prima le Signore, con chiaro riferimento all’orgasmo; insomma, durante il sesso si dà la precedenza al piacere della donna, in modo da farla arrivare alla penetrazione sufficientemente lubrificata e rilassata.

A lungo andare questa strategia potrebbe stancare l’uomo e far esaurire del tutto l’eccitazione alla donna, così da arrivare alla penetrazione con il solito problema; molto meglio, suggeriscono gli esperti, non raggiungere l’orgasmo durante i preliminari, che devono invece favorire il desiderio, in modo da arrivare alla penetrazione con la spinta giusta.

In parole povere: il meglio sarebbe lasciare che la partner si avvicini al momento del piacere per fermarsi e poi ricominciare, in modo da amplificare eccitazione e desiderio.

Questo è un ottimo modo per provare un orgasmo durante la penetrazione, ma occorre la piena collaborazione del proprio partner, così come per un metodo molto più immediato e semplice, che consiste nello stimolare il clitoride durante la penetrazione stessa, utilizzando mani o sex toys.

In ogni caso, per stimolare adeguatamente la propria partner, basta avere solo un po’ di fantasia e stuzzicarla nelle sue zone più erogene, dai capezzoli, al ventre, alla schiena, scoprendo così che il sesso multitasking non solo è piacevole ma è di grande soddisfazione per entrambi!