Succede ogni volta che si entra in un luogo pubblico, un cinema, un parco, un ristorante o un bar: senza accorgercene buttiamo lo sguardo, scandagliando velocemente tutte le persone presenti, per soffermarci su quella che maggiormente attrae la nostra attenzione o stuzzica il nostro desiderio.

Le regole dell’attrazione fisica e sessuale sono indiscutibili, nessuno ce le insegna e spesso ci conducono a fronteggiare esperienze non sempre positive.

Ad esempio, chi non ha mai scoperto di essere sempre attratto dall’uomo bello ma bastardo o dalla femme fatale, vera mangiatrice di uomini?

Gli esperti sostengono che queste naturali inclinazioni, se provocano guai, possono essere corrette in modo da poter vivere una relazione felice e appagante, ma difficilmente potranno essere cambiate totalmente.

Quando si incontra qualcuno per la prima volta, psiche e cuore iniziano una scansione complessa, raccogliendo informazioni sulla fisicità, sull’espressione, lo sguardo, le labbra, le sfumature della voce e la tensione muscolare, elaborando istantaneamente tutte questi dati in quello che noi sentiamo come desiderio (o la mancanza di esso).

E come una falena può sentire l’odore di un’altra falena di sesso opposto a 6 km di distanza, anche il nostro istinto di accoppiamento, molto meno accurato, ci ha dotati di una specie di radar sensibilissimo, che ci fa desiderare più o meno ardentemente un’altra persona.

Le teorie sul perché siamo attratti sempre da certe caratteristiche sono da ricondurre al nostro intimo e ai tratti salienti della nostra famiglia, intendendo sia quelli positivi che quelli negativi, dove subentrano sentimenti di amore o rabbia.

Inconsciamente cerchiamo di ottenere la guarigione da maltrattamenti o da abusi attraverso il partner che ci scegliamo e che spesso ha le stesse caratteristiche di chi ci ha fatto del male; nutriamo la speranza di poter convincere questa persona finalmente ad amarci e a rispettarci.

Ecco, queste sono le attrazioni da evitare!

L’incontro perfetto, secondo gli studiosi, è quello che fa scattare la scintilla ma non necessariamente uno tsunami, e quindi con persone verso le quali nutriamo una sana eccitazione ma con cui occorre molto più di una notte di sesso folle per capire il motivo per cui l’abbiamo scelta.