Ci state benissimo, ma solo a letto, ridete e mangiate con lui, ma solo prima o dopo aver fatto sesso, conoscete ogni suo neo, ma a malapena il suo cognome e dove abita, eppure, quando vi incontrate, fate faville: il trombamico è davvero una manna o è solo un modo per non crescere mai?

Esistono ovviamente tante e contrastanti opinioni sull’argomento, di per sé molto delicato soprattutto in Italia, dove la tradizione della coppia “regular”, che lo vogliamo oppure no, sembra essere scritta nel nostro DNA e prima o poi, statene certe, salta fuori.

Ma come funziona questo tipo di rapporto non-rapporto, o meglio come dovrebbe funzionare affinché sia una sana e spassionata relazione di sesso e divertimento?

Ecco, semplicemente lasciando che rimanga fatta di sesso e divertimento!

Innanzitutto alla base devono esserci un rispetto sincero e una buona comunicazione, perché anche se non lo sposerete, il trombamico è pur sempre una persona e come tale merita, al pari vostro, trasparenza e chiarezza.

Vi state innamorando di lui (rischio piuttosto elevato)? Comunicateglielo immediatamente prima di strapparvi i capelli in testa illudendovi che qualcosa possa cambiare e che la vostra relazione, da aperta e scanzonata, diventi quella di chi sta progettando una famiglia.

Non pretendete da lui cose che vadano fuori dalla camera da letto: non è un vostro amico, né tantomeno un fidanzato.

Premure e attenzioni quando non vi dovete vedere, sarebbero totalmente fuori luogo.

Non rimaneteci male, ad esempio, se non vi fa gli auguri di buon compleanno o se a Natale si eclissa facendo perdere tracce di sé: ripetetevi come un mantra che non siete una coppia e che al 99.99% non lo sarete mai (una percentuale infinitesimale di dubbio è d’obbligo perché, lo sapete, mai dire mai. Ma questa percentuale la dovete riporre in una scatola che sigillerete e butterete in fondo a un fiume: chiaro, no?)

Durata della trombamicizia: eh chi può dirlo? La regola che va per la maggiore è che fino a quando entrambi vi divertirete, le cose andranno avanti, ma se solo uno dei due mostrerà segni di stanchezza, l’altro dovrà rassegnarsi (e magari cercarsi un altro trombamico e viceversa).

Quindi non rimane che augurarvi: Buon divertimento!