I sex toys stanno vivendo un momento di particolare successo: non solo non vengono più considerati un tabù, ma ne esistono di moltissime fogge e colori diversi.

E qui sorge una domanda: e per lui, cosa offre il mercato?

Scansando falli realistici, dildo avveniristici e doppi falli vibranti, per l’uomo esistono i cosiddetti “masturbatori”, utilizzati non tanto come surrogati di una donna, bensì come attrezzi per allenarsi a raggiungere performance sempre migliori.

Al primo posto dei giochi erotici maschili ci sono le vagine, realistiche e non, e relativi riscaldanti: in pratica, prima dell’utilizzo, occorre scaldare l’oggetto che verrà poi penetrato simulando una penetrazione vaginale.

Non pensate a grossolani tubi di gomma: ne esistono di varie forme, addirittura alcune simulano la suzione, altre sono dotate di valvole che regolano la pressione e la pervietà e ne esistono anche di appositi per la penetrazione anale o che simulano un rapporto orale.

Insomma, decisamente per tutti i gusti ma soprattutto in materiali e forme anatomiche sicure; in genere il silicone va per la maggiore per quanto riguarda vagine e ani artificiali, mentre gli stimolatori anali per lui sono spesso in acciaio, vetro borosilicato e pyrex.

Ad accompagnare gli oggetti è bene dotarsi di tutti i prodotti utili alla loro pulizia: molti vibratori e affini rappresentano dei veri e propri incubatori di germi e batteri, quindi se ne raccomanda l’igienizzazione dopo ogni utilizzo.

Oltre a garantire un buon allenamento, i masturbatori maschili prevengono il cancro alla prostata, mantengono in salute lo sperma, eliminano stress e preoccupazioni e migliorano il sistema immunitario e l’umore, con l’aumento del rilascio di endorfine.

E quindi, perché non concedersi un po’ di sani e divertenti giocattoli?