Chi non conosce questo must tra le posizioni sessuali?

Basato principalmente sul sesso orale, il 69 in realtà è una figura conosciuta nel Kamasutra come Congresso del Corvo, perché entrambi i partner ricevono contemporaneamente qualcosa di “impuro” in bocca.

Noi lo abbiamo poi trasformato in 69, e il motivo è piuttosto intuitivo, rimandando all’immagine che si assume, praticandolo, del testa-piedi.

Tra tutte le posizioni del sesso, quella del 69 è considerata la più inclusiva, perché può effettivamente essere praticata da chiunque, con la sola condizione che entrambi i partner abbiano i rispettivi genitali ad altezza bocca dell’altro: che siano poi due donne, due uomini o uomo donna, poco importa.

Arrivare a praticare il 69 richiede in genere molta intimità o un discreto impeto passionale, soprattutto per quanto riguarda le donne che in genere sono un po’ insicure nel praticare del sesso orale mentre lo ricevono, ma se condivisa da entrambi i partner, non solo è di estrema soddisfazione, ma apre le porte a tante alternative.

Il 69 infatti può essere un preliminare, giusto per rendere più hot l’atmosfera, o un happy ending, dopo un rapporto completo.

Ad allietare il 69 si possono aggiungere sex toys più o meno fantasiosi, ma spesso bastano le dita (oltre alla lingua e alla bocca).