Si parla tanto di masturbazione maschile, ignorando che anche le donne, nel sesso fai da te, ci danno dentro alla grande.

Sfatando un mito ancora duro a morire e secondo il quale solo l’uomo guarda i porno per eccitarsi, iniziamo con il dire che sono molte le donne e le ragazze intervistate sul tema che affermano che i vari portali free di sesso rappresentano un buono spunto per masturbarsi.

C’è addirittura chi dice che tutto parte da lì: un’occhiata alla home page per vedere i video di tendenza e scatta una curiosità che si trasforma in eccitazione. A quel punto parte la mano e l’orgasmo non tarda ad arrivare.

Ma al di là del porno, quali sono le tecniche di masturbazione preferite dalle donne?

Ad accomunarle tutte c’è la prima volta, quella della masturbazione per inteso: il momento in cui una ragazza scopre come arrivare all’orgasmo, diventa il passaporto per il piacere.

Ed ecco che c’è chi, per venire, deve mettersi un cuscino tra le cosce e iniziare a stimolare il clitoride, o chi deve per forza infilare due dita in vagina o nell’ano, chi lo fa solo al mattino, ancora semi addormentata e a letto per affrontare la giornata più rilassata, o infine chi non sostituirebbe mai il soffione della doccia per un orgasmo intenso e corroborante.

Ovviamente il sex toy o vibratore è il protagonista di molte donne: basti considerare che quelle in carriera, presenti in ufficio qualcosa come 10 ore al giorno, se lo portano in borsetta.

Prima di una riunione, dopo un momento di intenso lavoro, come break nel pomeriggio, il vibratore alza l’umore, abbassa l’aggressività e distende le rughe!

Infine ci sono quelle della masturbazione della buona notte: poco prima di spegnere la luce, di chiudere il libro o di spegnere la tv, molte donne si regalano un momento di sesso con loro stesse masturbandosi e favorendo il sonno.

Insomma, il solo limite, è il caso di dirlo, è la fantasia!